LAVORO - MARZO 2019

 

 

LE ULTIME NOVITÀ 

 

Modalità applicative dei benefici in caso di assunzione di disabili

 

 

 

 

 

 

 

Circolare INAIL n. 6 del 26 febbraio 2019

L’INAIL ha fornito indicazioni sulle modalità di fruizione dei benefici relativi all’assunzione di disabili introdotti dalla Legge di Bilancio 2019.

A carico dell’Istituto è previsto il rimborso del 60% della retribuzione corrisposta dal datore alla persona con disabilità da lavoro destinataria di un progetto di reinserimento volto alla conservazione del posto di lavoro che, alla cessazione dello stato di inabilità temporanea assoluta, non possa attendere al lavoro senza la realizzazione degli interventi individuati del predetto progetto, per un periodo non superiore ad un anno. Le retribuzioni rimborsabili sono esclusivamente quelle corrisposte per periodi lavorativi successivi al 1° gennaio 2019.

Assunzione di detenuti e internati:
le istruzioni sui benefici

 

 

 

 

 

Circolare INPS n. 27
del 15 febbraio 2019

Sono fornite le istruzioni operative per la fruizione dei benefici contributivi a favore delle cooperative sociali e delle aziende pubbliche e private, che assumono persone detenute o internate negli istituti penitenziari, ex degenti di ospedali psichiatrici giudiziari e persone condannate e internate ammesse al lavoro esterno. Lo sgravio dei contributi è del 95% dell’aliquota complessivamente dovuta, calcolata sulla retribuzione del lavoratore, mentre non trova applicazione sul contributo dello 0,30% per l’integrativo NASPI. Le agevolazioni sono corrisposte sulla base dell’ordine cronologico di ricezione delle domande da parte dei datori di lavoro nei limiti delle risorse stanziate.

Lavoratori notturni e durata dell’orario

 

 

 

Nota INL n. 1438 del 14 febbraio 2019

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha fornito alcune precisazioni in ordine ai limiti dell’orario di lavoro dei lavoratori notturni. In particolare, viene chiarito che il parametro temporale da prendere a riferimento per calcolare la durata media dell’orario di lavoro notturno è la settimana lavorativa intesa come un periodo di 6 giorni.

Modalità di fruizione del
bonus asilo nido

 

Circolare INPS n. 14 del 31 gennaio 2019

Le istanze di fruizione del bonus asilo nido possono essere presentate dal 28 gennaio 2019 al 31 dicembre 2019, in via telematica o per mezzo dei patronati, allegando le ricevute della retta del primo mese di asilo nido, oppure, per chi usufruisce dell’assistenza domiciliare, il certificato rilasciato dal pediatra.

Istanza telematica di congedo per le vittime di violenza di genere

 

Circolare INPS n. 3 del 25 gennaio 2019

Le domande di congedo da parte delle donne vittime di violenza di genere vanno presentate in via telematica. Fino al 31 marzo 2019 sarà comunque ancora possibile presentare l’istanza in modalità cartacea.

 

 

 

COMMENTI

 

CONGEDO DI PATERNITÀ: LE NOVITÀ PER L’ANNO 2019

 Per i figli nati/adottati o affidati nel 2019, il padre lavoratore dipendente ha diritto a:

  • un congedo obbligatorio della durata di 5 giorni, anche non continuativi;
  • un congedo facoltativo della durata di 1 giorno, da fruire in accordo con la madre e in sostituzione di una corrispondente giornata di astensione obbligatoria spettante a quest’ultima.

Entrambi sono utilizzabili nei primi 5 mesi decorrenti dalla nascita, dall’ingresso in famiglia o dall’entrata in Italia del minore.

 

Trattamento economico

Per i giorni di congedo obbligatorio e facoltativo del padre spetta un’indennità giornaliera a carico INPS, pari al 100% della retribuzione (intendendosi per tale la retribuzione media globale giornaliera, determinata con le stesse regole previste per il congedo di maternità/paternità).

L’indennità è corrisposta dal datore di lavoro, alla fine di ciascun periodo di paga, salvo successivo conguaglio con i contributi e le somme dovute all’Istituto previdenziale.

 

Modalità di richiesta

Per usufruire del congedo (sia obbligatorio che facoltativo) il lavoratore deve comunicare in forma scritta al datore di lavoro i giorni prescelti, con almeno 15 giorni di preavviso.

 

In caso di richiesta del congedo facoltativo, il lavoratore deve allegare alla domanda la dichiarazione della madre da cui emerga che la stessa non intende fruire del congedo di maternità per un numero di giorni (uno) equivalente a quello fruito dal padre, con conseguente riduzione del congedo medesimo.

Tale comunicazione deve essere trasmessa, dal lavoratore, anche al datore di lavoro della madre.

 

 

 

 

Di seguito si fornisce il fac-simile della richiesta di congedo obbligatorio.

Spett.le ........................................ via .................................................

OGGETTO: Richiesta congedo obbligatorio ex articolo 4, comma 24, lettera a), Legge n. 92/2012 e s.m.i.

Il sottoscritto ..........................., nato a ...................., il ................. e residente in ......................, via ............................., chiede di usufruire del periodo di congedo obbligatorio previsto dall’articolo 4, comma 24, lettera a) della Legge n. 92/2012 e s.m.i. in data .....................

A tal fine, il sottoscritto comunica che: (scelta alternativa)

- la data presunta del parto sarà il ...........................................;

- la data effettiva di nascita è il .................................................;

- la data di ingresso del minore in Italia è il .......................................;

- la data di effettivo ingresso in famiglia del minore è il ........................

Ringrazio e porgo cordiali saluti.

Luogo e data.................................

                                                                      Firma del lavoratore .......................................... 

PER OFFRIRTI UNA MIGLIORE ESPERIENZA QUESTO SITO UTILIZZA DEI COOKIE. CONTINUANDO LA NAVIGAZIONE ACCONSENTI ALL'UTILIZZO DEI COOKIE. PER MAGGIORI INFORMAZIONI E PER SAPERE COME MODIFICARE LE TUE PREFERENZE CONSULTA LA NOSTRA PRIVACY&COOKIE POLICY.