News

 

DECRETO CRESCITA

 

DECRETO CRESCITA

DL n. 34/2019 Convertito in Legge n. 58/2019

Recentemente è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la legge di conversione del “Decreto Crescita” contenente una serie di “Misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi”, molte delle quali operative dal 2020.

Recentemente è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la legge di conversione del “Decreto Crescita” contenente una serie di “Misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi”, molte delle quali operative dal 2020. Di seguito l’analisi di alcune di tali “misure”.

  • Art.1 - Maxi ammortamento del 30% per gli acquisti di beni strumentali dal 1° aprile al 31 dicembre dell’anno in corso;
  • Art.2 - Tassazione agevolata degli Utili reinvestiti con aliquota IRES ridotta al reddito d’impresa fino a concorrenza degli utili d’esercizio accantonati a riserve;
  • Art.3 – aumento della deducibilità IMU relativa agli Immobili Strumentali.

Inoltre, sono stati modificati i termini di presentazione della Dichiarazione IMU, la quale deve essere presentata entro il 31/12, anziché 30/06, dell’anno successivo a quello oggetto della dichiarazione (tale disposizione è stata prevista anche per la Dichiarazione TASI);

  • Art.3-bis – Ai sensi del D.Lgs. n. 23/2011 è stata prevista la soppressione dell’obbligo di comunicare la proroga dei contratti per i quali è stata esercitata l’opzione della cedolare secca;
  • Art.4-bisSemplificazione controlli formali in base ai quali l’Ufficio non può chiedere al contribuente, in sede di controllo formale della Dichiarazione dei Redditi, documenti relativi a informazioni già disponibili all’Anagrafe Tributaria;
  • Art.4-quater Versamento cumulativo addizionale comunale in base al quale è previsto che il versamento dell’addizionale comunale IRPEF sia effettuato dal sostituto d’imposta cumulativamente per tutti i Comuni di riferimento;
  • Art.4-quinquies – A partire dal 2020 nei Modelli ISA non potranno essere richiesti dati già contenuti in altri quadri della dichiarazione dei redditi al fine di evitare errori in fase dichiarativa;
  • Art.4-octies – Per gli avvisi di accertamento emessi dal 1° luglio 2020, il termine di decadenza per la notifica dell’atto impositivo è automaticamente prorogata di 120 giorni nel caso in cui intercorrano meno di 90 giorni tra la data di comparizione per definire l’accertamento con adesione e la data di decadenza dell’Amministrazione dal potere di notificazione dell’atto impositivo.

Inoltre, in sede di conversione, è stato previsto che l’Ufficio prima di emettere l’Avviso di Accertamento debba notificare l’invito a comparire;

  • Art.4-decies – Introduzione della possibilità per il contribuente di avvalersi del cosiddetto “ravvedimento parziale”, ovvero di avvalersi del ravvedimento anche in caso di versamento frazionato;
  • Art.5 – E’ confermata la modifica all’art.16 D.Lgs. n. 147/2015 la quale prevede incentivi ai lavoratori rimpatriati: il reddito di lavoro dipendente e di lavoro autonomo prodotti in Italia da lavoratori che trasferiscono la residenza in Italia, a partire dal 2020, concorre alla formazione del reddito complessivo limitatamente al 30% (anziché del 50%), al sussistere di determinate condizioni.

Previste ulteriori e differenti agevolazioni anche per il rientro dei ricercatori residenti all’estero.

Agevolazioni anche per le persone fisiche titolari di redditi da pensione erogati da soggetti esteri che trasferiscono la propria residenza in un Comune italiano, tra quelli previsti;

  • Art.6 – In base alle modifiche apportate alla Legge n. 190/2014 sono state introdotte Modifiche al regime forfetario le quali prevedono per i contribuenti forfetari che si avvalgono di dipendenti e collaboratori l’obbligo di operare le ritenute alla fonte;
  • Art.7 – Incentivi per la valorizzazione edilizia;
  • Art.10Interventi di efficienza energetica e rischio sismico e Bonus acquisto moto non inquinanti;
  • Art.11-bisRegime del “realizzo controllato” applicabile anche nel caso in cui la società conferita non acquisisce il controllo di una società, ovvero non incrementa la percentuale di controllo, al sussistere di determinate condizioni;
  • Art.12 – Estensione dell’obbligo di fatturazione elettronica anche nei rapporti commerciali tra Italia e San Marino.

Mentre, per le prestazioni di gestione del servizio delle lampade votive nei cimiteri non è obbligatoria l’emissione della fattura, permane quindi l’obbligo di certificazione del corrispettivo;

  • Art.12-quarterComunicazioni dati Liquidazioni Periodiche IVA: l’invio delle liquidazioni periodiche IVA va effettuato entro la fine del secondo mese successivo al trimestre di riferimento. La comunicazione relativa al secondo trimestre entro il 16 agosto, mentre la comunicazione relativa al quarto trimestre può, alternativamente, essere effettuata con la Dichiarazione IVA annuale;
  • Art.12-quinquiesProroga al 30 settembre 2019 dei versamenti delle imposte risultanti da dichiarazioni REDDITI/IRAP/IVA a favore dei soggetti esercenti attività per le quali sono stati approvati gli ISA, ma anche da soggetti che dichiarano cause di esclusione dagli ISA, da soggetti che adottano il regime forfetario/dei minimi e dai soggetti che determinano il reddito con altre tipologie di criteri forfetari;
  • Art.12-sexies – A partire dal 2020, con la modifica al DL n. 70/88 è prevista la possibilità di cedere anche il credito IVA trimestrale richiesto a rimborso;
  • Art.12-septies – A decorrere dal 2020, la dichiarazione d’intento trasmessa telematicamente dall’esportatore abituale all’Agenzia delle Entrate può riguardare anche più operazioni. Inoltre non è più previsto che tale dichiarazione sia redatta in duplice esemplare, come disposto dalla modifica apportata al DL n.746/83;
  • Art.13-quarter – Il DL n. 50/2017è stato implementato con l’introduzione dell’obbligo, in capo ai soggetti non residenti in Italia che incassano i canoni/corrispettivi ovvero intervengono nel pagamento dei canoni/corrispettivi, di operare, in qualità di sostituti d’imposta, la ritenuta del 21% sull’ammontare dei canoni/corrispettivi all’atto del versamento degli stessi al beneficiario, da versare all’Erario e certificare con il modello 770.

I soggetti residenti nel territorio dello Stato che appartengono allo stesso gruppo dei soggetti sono solidalmente responsabili con questi ultimi per l’effettuazione e il versamento della ritenuta sull’ammontare dei canoni e corrispettivi relativi ai contratti di locazione;

  • Art.15-bis – Secondo l’aggiunta al D.Lgs n. 201/2011, a partire dal 2020, le delibere e i regolamenti relativi ai tributi comunali, diversi da IMU/TASI/IMPOSTA DI SOGGIORNO/IRPEF, acquisiscono efficacia dalla data di pubblicazione nel sito informatico (www.finanze.it).

In aggiunta, agli Enti Locali competenti al rilascio di licenze e autorizzazioni, è stata attribuita la facoltà di, alla ricezione delle segnalazioni di inizio attività, prevedere che il rilascio o rinnovo e la permanenza in esercizio siano subordinati alla verifica della regolarità del pagamento dei tributi locali;

  • Art.16 – E’ confermato il credito d’imposta distributori di carburante pari al 50% delle commissioni addebitate per le transazioni effettuate a decorrere dal 1° luglio 2018, mediante carte di debito o credito;
  • Art.19-bis – In mancanza della comunicazione per il rinnovo del contratto, il contratto di locazione a canone agevolato è rinnovato tacitamente per un ulteriore biennio secondo quanto previsto dalla modifica apportata all’art.5 della Legge n. 431/98;
  • Art.20 – In sede di conversione sono state introdotte le MODIFICHE SABATINI – TER le quali prevedono:
    • Aumento a 4 milioni (anziché 2 milioni) del valore massimo concedibile a ciascuna impresa;
    • Erogazione del contributo in base alle dichiarazioni prodotte dalle imprese in merito all’investimento;
    • Erogazione in un’unica soluzione del contributo a fronte di finanziamenti non superiori a € 100.000 (anziché in sei rate)

Tale agevolazione è stata estensa anche alle micro/ piccole/ medie imprese costituite in forma societaria impegnate in processi di capitalizzazione che tendono a realizzare un programma d’investimento;

  • Art.22 – E’ confermata l’introduzione del nuovo art.7-ter al D.Lgs. n. 231/2002 in base alla quale le società devono indicare nel proprio bilancio sociale i tempi medi di pagamento delle transazioni effettuate durante l’anno “individuano altresì gli eventuali ritardi medi tra i termini pattuiti e quelli effettivamente praticati;
  • Art.26-bis“Abbuono” IMBALLAGGI RESTITUITI in base al quale l’impresa venditrice di merci può riconoscere un abbuono all’impresa acquirente in misura pari al 25% del prezzo dell’imballaggio contenente la merce stessa ed esposto nella fattura, a valere sul prezzo degli acquisti successivi. L’abbuono è riconosciuto alla resa dell’imballaggio stesso da effettuare entro un mese dall’acquisto, al sussistere di determinate condizioni.

Per il 2020, in sede di conversione sono state previste una serie di agevolazioni per le imprese e i lavoratori autonomi che acquistano prodotti da riciclo/riuso;

  • Art.27 – il D.Lgs. n.58/98 ha previsto, in sede di conversione, l’introduzione delle Società di Investimento semplice (SIS)
  • Art.30-ter – Nei comuni con popolazione fino a 20.000 abitanti, è prevista la concessione di un contributo a favore dei soggetti che procedono all’ampliamento di esercizi commerciali già esistenti o alla riapertura di esercizi chiusi da almeno sei mesi;
  • Art.35 – E’ confermata la riscrittura della Legge n.124/2017, con conseguente “revisione” della disciplina relativa all’obbligo di pubblicità/ trasparenza dei contributi pubblici, in particolare: i soggetti che esercitano attività commerciali pubblicano nella Nota Integrativa al bilancio d’esercizio e dell’eventuale bilancio consolidato gli importi e le informazioni relative a sovvenzioni, sussidi, vantaggi, contributi o aiuti, in denaro o in natura, non aventi carattere generale e privi di natura corrispettiva, retributiva o risarcitoria, agli stessi effettivamente erogati nell’esercizio precedente da Amministrazioni Pubbliche.

Per i soggetti che redigono il bilancio in forma abbreviata e quelli non tenuti alla redazione della Nota Integrativa, sono tenuti, entro il 30.06 di ogni anno a pubblicare sul proprio sito internet le informazioni relative a sovvenzioni, sussidi, vantaggi, contributi o aiuti, in denaro o in natura, non aventi carattere generale e privi di natura corrispettiva, retributiva o risarcitoria, agli stessi erogati nell’esercizio finanziario precedente da Amministrazioni Pubbliche.

 

 

PER OFFRIRTI UNA MIGLIORE ESPERIENZA QUESTO SITO UTILIZZA DEI COOKIE. CONTINUANDO LA NAVIGAZIONE ACCONSENTI ALL'UTILIZZO DEI COOKIE. PER MAGGIORI INFORMAZIONI E PER SAPERE COME MODIFICARE LE TUE PREFERENZE CONSULTA LA NOSTRA PRIVACY&COOKIE POLICY.